Potresti essere licenziato se non possiedi Bitcoin: CoinShares su CNBC

Ora potrebbe esserci un rischio di carriera per un portfolio manager che non ha Bitcoin nel suo portafoglio – il presidente di CoinShares parla del sentimento Bitcoin su CNBC.

Morgan Danny Masters ha dichiarato alla CNBC

Il presidente di CoinShares e l’ex trader di materie prime JP Morgan Danny Masters ha dichiarato alla CNBC che il panorama finanziario è cambiato al punto che non avere un’esposizione alla Bitcoin potrebbe essere una mossa più rischiosa per i gestori di portafoglio rispetto all’investimento in essa.

Intervistato su Power Lunch, il capo della società di gestione patrimoniale digitale ha fatto riferimento al fatto che in passato era considerato rischioso per i gestori patrimoniali che lavorano nelle istituzioni investire in Bitcoin. Ma ha affermato che „il „rischio di carriera percepito per avere Bitcoin nel proprio portafoglio istituzionale, come gestore di portafoglio, sta rapidamente migrando verso un rischio di carriera per non avere Bitcoin nel proprio portafoglio, e questo è uno sviluppo davvero sorprendente“.

L’ospite della CNBC Kelly Evans ha riassunto la dichiarazione:

„E‘ una dichiarazione perfetta, non verrai più licenziato se hai un po‘ di Bitcoin, ma potresti essere licenziato se non ce l’hai“.

Masters ritiene che la percezione del Bitcoin come un asset estremamente volatile si sia attenuata perché „la volatilità delle altre classi di asset si è dimostrata molto più volatile di quanto ci si aspettasse“.

Ha detto che la Bitcoin si è liberata del suo precedente stigma negativo tra gli investitori mainstream e che non si tratta più di sapere se le aziende avranno un’esposizione all’asset digitale, ma quando e quanto, citando gli investimenti di Square, Microstrategy e Paypal.

Queste aziende „stanno superando il mercato perché stanno diventando pubbliche con la loro esposizione alla Bitcoin“, e di conseguenza.

„Il sentimento è elettrico, non c’è dubbio su questo“

In ottobre, Masters ha dichiarato che il Bitcoin era sempre più resistente e in una posizione molto forte, poiché il suo prezzo si rifiutava di vacillare nonostante la notizia delle accuse mosse contro i fondatori delle principali borse di derivati BitMEX che avrebbero determinato una riduzione del prezzo in passato:

„Essendo stato in giro a criptare durante MtGox, il divieto della Cina, Bitfinex Hack, i commenti di Trump e molte delle altre storie di mercato che punteggiano la storia di Bitcoin sono stato colpito dalla mancanza di movimenti di prezzo negativi, in particolare intorno a BitMEX“.

L’indice della paura e dell’avidità si attesta a 92 su 100, a indicare un sentimento di estrema avidità. Questi livelli non si vedevano da giugno 2019, quando l’indice ha raggiunto il 95.